Grecia, vasto incendio vicino Atene: 50 morti e oltre 100 feriti

Grecia, vasto incendio vicino Atene: 50 morti e oltre 100 feriti Interessate diverse città a pochi km dalla Capitale, chiusa la principale autostrada che collega al Peloponneso. Dozzine di case distrutte, cittadini e turisti in fuga verso le spiagge per essere soccorsi da imbarcazioni via mare. GLI AGGIORNAMENTI – FOTO

Sono 50 i morti degli incendi nei boschi di pini attorno ad Atene secondo il bilancio aggiornato diffuso stamani dalla Protezione civile greca. Si contano anche 156 feriti. La maggioranza delle vittime è stata ritrovata senza vita in casa o nell’auto, nel resort marino di Mati a circa 40 chilometri da Atene. Lo ha precisato Dimitris Tzanakopoulos, portavoce del governo greco, segnalando che tra i feriti, compresi 16 bimbi, 11 sono in gravi condizioni. La Protezione civile aveva avvertito la popolazione di seguire le istruzioni dei Vigili del fuoco ed evacuare le loro case. “La situazione è critica, se non obbediscono c’è pericolo di morte”, aveva detto un portavoce dei Vigili del fuoco alla tv pubblica.

Vasti roghi intorno ad Atene
Il primo vasto incendio si è sviluppato a Nordest di Atene, nei pressi di Penteli, muovendosi verso la città di Rafina. Nella vicina Mati, la Guardia costiera è stata costretta a intervenire per evacuare i turisti intrappolati sulla spiaggia. Un secondo incendio sta intanto devastando le pinete in una zona a 50 chilometri a Ovest di Atene.

Il fumo denso, arrivato fin sulla capitale, ha costretto alla chiusura della principale autostrada di collegamento con il Peloponneso. Sul campo sono stati dislocati centinaia di Vigili del fuoco e decine di mezzi. Sette aerei anti-incendio e quattro elicotteri cercano di circoscrivere i roghi dall’alto.

L’appello delle autorità: lasciate le vostre case
“Il fuoco infuria senza sosta, facciamo appello ai residenti di dirigersi verso Corinto per proteggere se stessi e i propri figli”, è il drammatico appello del vicesindaco di Megara, che sorge nei pressi di Kineta, dove le fiamme avanzano con maggiore velocità. “La gente piange, urla al telefono, mentre bruciano le auto parcheggiate e le sirene risuonano ovunque.

L’aria è torrida, le fiamme sono vicine”, è questa la drammatica testimonianza di un cronista nei pressi di Rafina, non lontano da Penteli, epicentro dell’incendio. La stessa Protezione civile aveva avvisato la popolazione del rischio concreto per tutti coloro che avessero deciso di non evacuare le zone coinvolte dagli incendi.

Chiesto aiuto all’Ue
Le autorità hanno dichiarato lo stato di emergenza, e chiesto l’aiuto dell’Unione Europea. “A causa dell’intensità delle fiamme e del pericolo che rappresentano, il nostro Paese ha presentato una richiesta di aiuto internazionale attraverso il meccanismo della Protezione civile Ue”, ha fatto sapere un portavoce dei Vigili del fuoco.

Gli incendi sono un fenomeno tristemente frequente in Grecia d’estate. I roghi sono stati alimentati da venti forti e da un’ondata di calore che ha portato le temperature intorno ai +40°C. (Skytg24)

Diretta Euronews

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*