Coronavirus Umbria, proposte Rsu ospedale di Perugia

 
Chiama o scrivi in redazione




Coronavirus Umbria, proposte Rsu ospedale di Perugia

Si è tenuto venerdì mattina un incontro tra la Rappresentanza sindacale unitaria (Rsu) dell’Azienda ospedaliera di Perugia, il commissario straordinario Antonio Onnis e il direttore sanitario Simona Bianchi. A seguito della riunione il coordinatore della Rsu Claudio Capanni ha avanzato delle misure e delle proposte per arginare il diffondersi del virus Covid-19 nell’azienda. E’ stato chiesto, fra l’altro, di fare i tamponi ai dipendenti; di valutare l’ipotesi di organizzare e offrire ai soggetti sospettati di essere venuti a contatto con persone già contagiate, una domiciliazione ospedaliera ai dipendenti, almeno per la quarantena”. “È necessario – ha aggiunto Capanni – valutare la possibilità della chiusura totale dei servizi non essenziali all’utenza, assicurando solo l’emergenza o, in alternativa, una stretta sugli accessi, fornendo il personale preposto di termometri laser”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*