Coronavirus, regione Umbria resta aperta, Tesei: “Ma siamo pronti”


Scrivi in redazione



Coronavirus, regione Umbria resta aperta, Tesei: “Ma siamo pronti”

La presidente della Regione Umbria ha illustrato oggi, durante la conferenza stampa a Palazzo Donini, i contenuti dell’Ordinanza relativa ai provvedimenti per il contrasto alla diffusione del coronavirus. Conla governatrice, il prefetto di Perugia Claudio Sgaraglia, e gli assessori regionali alla Sanità Luca Coletto ed alla Protezione civile, Enrico Melasecche.

“Allo stato attuale non abbiamo segnalazione o costatazioni di contagio o comunque, sono risultate negative, questo è lo stato attuale”. E’ quanto ha detto la presidente dell’Umbria. “La conferenza stampa è rivolta principalmente ad illustrare i contenuti di questa ordinanza, ma in particolare a tranquillizzare la nostra regione perché noi abbiamo messo in campo tutti gli interventi, quel lavoro che serviva ad affrontare anche eventuali casi di emergenza. Questa ordinanza – ha spiegato – è il frutto di un confronto con il governo nazionale. Ieri si è tenuta alla lunga videoconferenza, abbiamo iniziato alle 10 del mattino terminato alle 14 del pomeriggio con il governo e con tutti i governatori. Sono contenta di avere raggiunto questo risultato anche perché sabato scorso nella prima videoconferenza con il governo ero stata proprio io a sollecitare l’adozione di strumenti e di interventi omogenei per situazioni regionali omogenee”.

E poi ancora: “L’ordinanza che noi abbiamo adottato oggi riguarda la situazione di una regione che non ha casi, che però è pronta a mettere in campo tutte quelle azioni concrete di prevenzione che riguarderanno il pubblico, i comportamenti dei privati e riguarderanno tutte le nostre strutture sanitarie. Siamo pronti, ci stiamo portando avanti anche per me e affrontare eventuali situazioni diverse che si dovessero presentare. Quello che voglio lanciare è un messaggio di ottimismo ma anche di grande serietà e responsabilità. Siamo molto attenti e pronti eventualmente ad affrontare situazioni che si dovessero manifestare nei prossimi giorni e di criticità particolari o di casi da gestire”.

La presidente ha parlato delle scuole: “In Umbria le scuole di ogni ordine e grado resteranno aperte. “La vita di questa regione – ha spiegato – deve continuare, pur con tutte le cautele e le azioni che dobbiamo mettere in campo per arginare” questa emergenza. La presidente ha ricordato che in Umbria non ci sono “al momento segnalazioni di contagio, o situazioni da attenzionare. Quelle attenzionate sono risultate negative”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*