Brexit: Theresa May chiede a Bruxelles un rinvio fino al 30 giugno



Brexit: Theresa May chiede a Bruxelles un rinvio fino al 30 giugno

Un rinvio della Brexit fino al 30 giugno 2019. È la richiesta contenuta nella lettera inviata a Bruxelles da Theresa May alla vigilia del Consiglio europeo di giovedì. Ad annunciarlo è stata la premier britannica nel corso del suo intervento alla Camera dei Comuni, a cui ha fatto seguito un aspro botta e risposta con il leader dell’opposizione Jeremy Corbyn.

La scorsa settimana, dopo la seconda bocciatura dell’accordo, il Parlamento aveva approvato la mozione messa sul tavolo dal primo ministro per chiedere un’estensione dell’articolo 50.

Nel suo intervento il primo ministro ha spiegato che sottoporrà l’accordo sulla Brexit al vaglio del Parlamento per la terza volta. In caso di approvazione, l’estensione di tre mesi darebbe il tempo alla Camera dei Comuni di implementare l’accordo di divorzio.

La May ha escluso categoricamente l’ipotesi di un rinvio più lungo, definendo “inaccettabile” la prospettiva che il Regno Unito possa dover partecipare alle prossime elezioni europee “a tre anni di distanza” dal risultato del referendum del 2016.

Secondo Corbyn il rifiuto della premier di mettere sul piatto l’opzione di uno slittamento prolungato rappresenta “un fallimento” e un cedimento all’ala dura dell’esecutivo.

Il leader Laburista ha ribadito il suo no all’accordo sostenuto dalla May e ha chiesto ancora una volta di tornare alle urne per permettere ad “un nuovo governo” di gestire la situazione.

“Siamo nel mezzo di una crisi nazionale”, ha denunciato Corbyn, puntando il dito contro “l’incompetenza, i fallimenti e le intransigenze” del governo e dei conservatori.

Da Euronews

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
8 − 4 =