Billy, il maialino coraggioso che non voleva morire



Billy, il maialino coraggioso che non voleva morire

di Morena Zingales
Questa è la storia di Billy (nome di fantasia), il maialino forte e coraggioso che non voleva morire. E’ arrivato ad Assisi, insieme ai suoi 145 fratelli. Lungo quella brutta strada, la Cannarese SP410, ha visto la morte con gli occhi. E’ sopravvissuto, ma è finito in mezzo al fango e all’acqua di un canale di scolo. Acqua che rimane lì a stagnare ogni volta che piove, forse la causa dell’incidente.

Billy si trovava all’interno di un tir che proveniva dalla Spagna. Il suo autista lo stava conducendo verso la fine della sua vita, ma poi l’incidente con il camion che cede in quella strada di fango, piegandosi su un lato. Si apre il portellone, alcuni maialini escono, altri no. Billy riesce, ma si ritrova da solo in mezzo all’acqua che lo stava per affogare. Con la forza delle sue zampette e riuscito a tenere il muso in aria per non farsi risucchiare.

Le sue urla si sentivano da molti metri di distanza e in tanti hanno assistito al suo salvataggio. Billy alla fine ce l’ha fatta. Con tanto dolore e sofferenza è venuto su da quel fango che lo stava per inghiottire. Con le sue urla cercava di chiedere aiuto, ma aveva paura, tanta paura!

Alcuni uomini dei vigili del fuoco, prima con una corda e poi con un’altra che gli hanno messo attorno con molta fatica, lo hanno tirato su, rischiando anche loro. Billy si trovava in mezzo al fango tra il camion e la strada. Mezzo pesante che da un momento all’altro si sarebbe potuto capovolgere ancora di più e allora sì che sarebbe stata la sua fine.

La paura di Billy si è poi improvvisamente trasformata in fiducia e, alla fine, ha capito che quei ragazzi con la divisa verde a strisce gialle volevano veramente salvarlo. Tra un dolore e l’altro (era ferito alle zampette) è stato liberato dai vigili del fuoco.

E’ vivo, sì lo è ancora, anche se per poco. Ad attenderlo un altro camion che lo ha caricato e portato via. Ma Billy non lo sa quale destino lo attende, o forse lo sa già, perché se non è oggi, lo sarà domani.

1 Commento

  1. pora bestia ….. mai al pari di un cane o di un gatto …. una bestia che in tutto e dapertuttop è simile a noi (95% di dna pari al nostro) e ce la mangiamo ….. poi ci scandalizziamo se si mangia un cazzo di Cane o di un cazzo di Gatto ( a cui noi culturalmetne diamo piu importanza ripetto che ad un maiale) ; e ci permettiamo anche di dare in pasto animali ad altri animali …

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*