Aereo militare si schianta in Slovacchia, salvi i due piloti. Non ci sono vittime civili

Aereo militare si schianta, salvi i due piloti. Non ci sono vittime civili

Un aereo militare usato per l’addestramento dei piloti, si è schiantato oggi alle 14:15 nei pressi dell’aeroporto di Sliač, una città della Slovacchia facente parte del distretto di Zvolen, nella regione di Banská Bystrica, in un’area tra la base aerea e il vicino villaggio termale di Kováčova. Entrambi i membri dell’equipaggio presenti sul velivolo si sono salvati catapultandosi fuori dell’abitacolo, e sono atterrati con i loro paracadute. L’aereo si è abbattuto a terra in un campo, un’area libera e disabitata verso la quale era stato diretto dai piloti prima di abbandonarlo. I due militari sono stati ricoverati in ospedale per accertamenti.

Al momento non si conoscono le cause del disastro, inoltre, non ci sono vittime civili. Il ministero della Difesa ha inviato una commissione per indagare sul disastro.Sul posto sono intervenute due squadre di vigili del fuoco che hanno circoscritto l’area dove si era sviluppato un incendio. La polizia militare ha circondato l’area nella quale si stanno cercando eventuali detriti e pezzi dell’aereo.

L’L-39 Albatros, l’areo caduto, che in questo caso non era armato, è un jet monomotore da combattimento subsonico prodotto dall’azienda cecoslovacca Aero Vodochody che le Forze armate della Slovacchia usano principalmente per l’addestramento dei piloti. I velivoli in operazione in Slovacchia risalgono agli anni ’80, e stanno gradualmente raggiungendo l’età della pensione. E’ evidente, commenta Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” che ci sono troppi incidenti che riguardano, come in questo caso, anche gli aerei passeggeri militari.

Diretta Euronews

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*