20 marzo 2021 la rassegna stampa sfogliabile giornali in pdf prime pagine

 
Chiama o scrivi in redazione




Il decreto Draghi nel dettaglio

Aiuti a imprese, partite Iva, lavoratori stagionali e iscritti agli ordini professionali. E ancora proroga della cassa integrazione, del blocco dei licenziamenti e dei contratti a termine, risorse per vaccini e scuole. Il Decreto sostegno del governo Draghi è stato approvato e reso noto ieri sera dal premier. E’ finanziato con i 32 miliardi di scostamento di bilancio autorizzati dal parlamento a gennaio, ecco le principali novità. Via ai pagamenti a partire dall’8 aprile.

Questi i principali interventi: DAL 20% AL 60% DELLE PERDITE. Agli operatori economici e partite Iva con ricavi fino a 10 milioni e che hanno subito nel 2020 almeno il 30% di perdite sul 2019 spetta un contributo da 1000 -2000 per le persone non fisiche a 150mila euro, secondo cinque fasce: il 60% percento per ricavi non superiori a 100mila euro, 50% da 100mila a 400mila, 40% da 400mila a 1milione, 30% da 1 milione a 5, 20% da 5 a 10 milioni.

NEGOZI, WEDDING E RISTORANTI. Arriva un fondo da 200 milioni per commercio, matrimoni, ristoranti ed eventi privati.

GRANDI IMPRESE. Fondo da 200 milioni per le grandi imprese in difficoltà a causa del Covid. Il contributo sarà concesso sotto forma di finanziamento da restituire in cinque anni al massimo. P

ACE FISCALE PARTITE IVA. Le partite Iva che nel 2020 hanno subito perdite per almeno il 30% del fatturato 2019 hanno diritto ad accedere alla definizione agevolata per gli anni 2017-2018.

VERSAMENTI FISCO. Sospesi fino al 30 aprile i versamenti fiscali e gli avvisi. Più tempo anche per pagare le rate della rottamazione Ter e del saldo e stralcio: fino a fine luglio per le rate saltate nel 2020 e fino al 30 novembre per le rate dovute entro luglio 2021.

STRALCIO CARTELLE. Cancellazione delle cartelle esattoriali di meno di 5mila euro affidate alla riscossione fino al 2011 per chi ha un reddito inferiore a 30mila euro. Per gli anni fino al 2015 invece la cancellazione dovrebbe essere legata alla riforma per l’efficientamento del sistema della riscossione.

STAGIONALI E AUTONOMI. Un’indennità una tantum da 2.400 euro è prevista per i lavoratori stagionali del turismo, agli iscritti al fondo lavoratori dello spettacolo e ai lavoratori dello sport (attraverso Sport e salute). Per i lavoratori autonomi e iscritti agli ordini professionali arriva un fondo da 1,5 miliardi per coprire i contributi previdenziali. REDDITO CITTADINANZA E EMERGENZA. Un milione di euro sul 2021 per il reddito di cittadinanza e tre quote del reddito di emergenza per marzo, aprile e maggio 2021 per le famiglie in difficoltà. L.P. Alla conferenza stampa Il premier Mario Draghi/Cdumbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*