Versando Torgiano, ecco l’evento che celebra vino e olio

LA FESTA DELL’OLIO E DEL VINO NUOVO, IN PROGRAMMA NEL BORGO UMBRO SABATO 11 E DOMENICA 12 NOVEMBRE

Versando Torgiano, ecco l’evento che celebra vino e olio

TORGIANO – Tra conferme e novità, suggestioni dal passato e ispirazioni del presente, è stato presentato a Perugia il cartellone 2017 di ‘Versando Torgiano’, la festa dell’olio e del vino nuovo, in programma nel borgo umbro sabato 11 e domenica 12 novembre. Due giorni per esaltare queste eccellenze del territorio, accanto alle opere d’arte dei suoi palazzi storici, in parte ancora da scoprire, e dei suoi musei, primo fra tutti il Museo d’arte ceramica contemporanea (Macc), che accoglie le opere dello scultore Nino Caruso, per anni direttore artistico di ‘Vaselle d’autore’, evento nato nel 1996 e inserito dal 2010 in ‘Versando Torgiano’.

Un’eredità raccolta da Marco Brilli, da quest’anno curatore della manifestazione promossa dal Comune di Torgiano con la collaborazione della Proloco, delle associazioni ‘Vivi Torgiano’ e ‘Farefacendo’, e il patrocinio della Regione Umbria. Alla conferenza di presentazione, lunedì 6 novembre a Perugia, infatti, insieme a lui erano presenti Marcello Nasini e Tatiana Cirimbilli, rispettivamente sindaco e assessore al turismo del Comune di Torgiano, e Giuseppe Paolucci, presidente della Fondazione Vittoria Baglioni.

Hanno preso parte, inoltre, Marina Bon Valsassina, Alessandra Oddi Baglioni e l’architetto Pierluigi Saracchini, le prime due curatrici della mostra ‘Astur Baleoneus. Viaggio nella storia e nell’arte a Torgiano’, inserita in cartellone, e l’ultimo progettista e curatore del restauro dell’area espositiva all’interno di Palazzo Graziani Baglioni. Aperta al pubblico dal 12 novembre 2017 al 2 giugno 2018, la mostra vuole rendere omaggio all’ultimo abitante della secolare residenza, Astorre Vasta (che si firmava con lo pseudonimo di Astur Baleoneus), in un percorso espositivo che accompagna il visitatore tra sale decorate con affreschi, arredi, suppellettili e oggetti di vita quotidiana, alcuni vere e proprie rarità. “Questa esposizione è il primo passo – ha spiegato Valsassina – per la realizzazione di una casa museo come auspicato dallo stesso Vasta nello scritto ‘La mia casa.

Ragionato inventario e guida del Palazzo Baglioni a Torgiano’ allegato al suo testamento olografo del primo novembre 2001”. Ma ‘Versando Torgiano’ è anche tanto altro come hanno spiegato i suoi organizzatori. “In questa edizione – ha raccontato Brilli – ci sarà spazio per arte, musica, street food, in collaborazione con i ristoranti della zona, castagne e vino nuovo negli stand in corso Vittorio Emanuele II (ndr, inaugurazione sabato 11 alle 10), dove ci saranno anche degustazioni gratuite di vini.

Da segnalare, poi, la celebrazione del 40esimo anno della fondazione della Compagnia dei vignaioli e tavernieri della comunità di Torgiano, nella sala sant’Antonio sabato 11 alle 15, e la mostra ‘Arteterapia e ceramica delle scuole di Torgiano’, con manufatti prodotti dagli studenti delle scuole medie della città”.

“A Torgiano – ha aggiunto Cirimbilli – si producono le vaselle da tempo immemore. Quest’anno insieme a Brilli abbiamo voluto dare una connotazione diversa. Sarà un’edizione declinata al femminile con la partecipazione di tre artiste (ndr, Claudia Andreani, Monica Grelli, Angela Torcivia) che presenteranno, sabato 11 alle 16.30 al Macc, le loro vaselle ‘moderne’ che diventano oggetto d’arte e di design.

Insieme a loro ci sarà il giornalista enogastronomico Antonio Boco per una discussione che unirà arte e cucina. Domenica 12, poi, alle 17.30 in piazza Baglioni, ospiteremo lo chef Giorgione che parlerà di pane e olio.

Non ci dimentichiamo che a Torgiano abbiamo un mulino del 1100 che tutt’ora produce farine biologiche ed è uno dei nostri locali di punta”. Non mancheranno appuntamenti musicali tra vino e jazz, con ‘The Sycamore’, sabato 11 alle 21.30 nella sala sant’Antonio, e ‘Tea for two’, domenica 12 alle 18.30 in piazza Baglioni. Sempre domenica, alle 16.30 al Macc, ci sarà un incontro con l’editore del libro ‘Una vita inaspettata’, omaggio a Nino Caruso, considerato tra i grandi maestri della scultura ceramica italiana. Programma completo su www.versandotorgiano.it.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*